Social network

Hai provato a pubblicizzare la tua pagina Facebook senza ottenere i risultati sperati? Sicuro di aver usato i giusti ingredienti? Certo il fai da te o il “cuggino” che vi chiede 100€ al mese per gestirvi i social non è la soluzione ideale per ottenere risultati. Non per una questione di cifre, ma per la professionalità. Il consulente marketing non è un lavoro che si improvvisa! e con il “cuggino” di turno state solo buttando soldi.

Che sia Facebook o Instagram e chi più ne ha più ne metta…i social network sono sulla bocca di tutti e soprattutto sui telefonini di tutti! Ciò significa che negli ultimi anni, che si voglia o no, questi strani luoghi sono entrati a far parte della vita quotidiana.

Vuoi raggiungere un risultato?

Senza addentrarci nel giusto o sbagliato uso che se ne può fare (dove si spera sempre vengano usati nel bene) mi vorrei concentrare verso tutte quelle piccole aziende e negozianti che hanno avuto il primo incontro ravvicinato con questi strumenti senza portare a casa risultati e poi delusi hanno abbandonato l’idea di portare avanti il progetto.

Il web ha un difetto, fa pensare che tutto sia a portata di tutti e che sia sufficiente un tutorial per diventare ricchi. Come ben sapete guadagnare con un’attività in proprio non è cosa facile e se bastasse mettere 20 € su un post per vendere di più, oggi grazie ai social nessuno più parlerebbe di crisi 🙂

Sappiamo che la realtà è un’altra!

Quanto tempo dedichi alla tua pagina Facebook?

Io vivo sui social per lavoro e studio costantemente i complessi algoritmi che determinano il successo o l’insuccesso di una campagna social e quando mi trovo a parlare di campagne social spesso tutti storcono il naso increduli e saltano fuori con la classica frase: Abbiamo provato ma non funziona e inoltre abbiamo buttato via solo soldi!

Dove si sbaglia?

Quando do un occhio alle pagine di chi da certe affermazioni spesso a prima vista noto che il problema non sono i social network. Il problema è come viene usato. Avere una pagina Facebook e avere visto il tutorial su YouTube non basta per poter essere in grado di comprenderne il funzionamento e portare dei risultati.

Ognuno il suo mestiere!

Provate a pensare (chi non lo fa di lavoro ovviamente) se da domani doveste confezionare un abito su misura per un vostro amico. Acquistate il materiale, prendete le misure al vostro amico, acquistate una macchina da cucire…vi guardate un tutorial…immaginate il risultato e la soddisfazione del vostro amico (non fatelo se necessita di un abito per il suo matrimonio :-))

L’idea è chiara?

Ognuno DEVE fare il proprio mestiere. Il Web marketing non è un processo da smanettoni e hacker. Fortunatamente gli algoritmi impiegati dalle piattaforme premiano ormai meritocraticamente chi si accinge a sponsorizzare degli annunci, quindi il fai da te è una scelta da scartare a priori, a meno che non si abbiano delle vere e comprovate competenze.

Chi crede di essere in grado di gestire una pagina social ma non porta risultati sbaglia solo in questo.

BASTA! un click 🙂

Non si comprende perché il digitale faccia intendere che tutto sia facile e che basti schiacciare un tasto per risolvereun problema!

Da professionista vi garantisco che non ci sono tasti miracolosi da schiacciare. Bisogna conoscere e saper fare il proprio lavoro. Questa è l’unica verità!

Vi fareste mai tagliare i capelli da un panettiere? 🙂

Di chi devo fidarmi allora?

Purtroppo il web ha dato spazio ad un mare di improvvisati dell’ultimo momento: “Quelli del te la gestisco io la pagina Facebook” che purtroppo sono sempre dietro l’angolo

Volete due dritte per starne alla larga?

  • Ogni attività è differente, quindi non esistono pacchetti small, medium e premium per il marketing! diffidate sempre di chi vi parla così;
  • Per lo stesso motivo il costo di una campagna marketing è legata alle vostre esigenze, quindi diffidate sempre da chi al primo incontro vi dice quanto costa;
  • Fare pubblicità senza avere un obiettivo chiaro è sconveniente, quindi essere su Facebook senza motivo non vi porterà a raccogliere nulla, non fidatevi mai di chi vi dice il contrario;
  • La pubblicità non è gratuita, diffidate sempre quando chi vi si propone come se vi facesse lo sconto del secolo.
  • Ricordatevi che un professionista non può presentarvi un preventivo all inclusive a meno che non ci sia una programmazione ben definita.
  • Il costo della gestione di una pagina Facebook dipende anche da quanto tempo VOI potete mettere a disposizione!

Volete sapere come funziona? volete avere maggiori informazioni? non esitate a contattarmi. Non abbiate paura di quanto costa mettersi in gioco economicamente, il primo passo da fare è il perché farlo e soprattutto valutarlo con dei numeri sotto i propri occhi!

Buona fortuna imprenditore!

Google Ads

Il mondo della pubblicità è cambiato molto negli ultimi anni. Volete farvi conoscere? Google è al vostro fianco. Fate al differenza! Oggi sono molti gli strumenti “a portata di ogni portafogli” e soprattutto in grado di portare traffico al vostro sito o presso la vostra attività commerciale.

Cosa ti stai perdendo?

D’accordo il volantino e il cartellone sulla strada di forte passaggio (che non è certamente gratuito). Ma per chi necessita di avere visibilità sul web avrà certamente sentito parlare delle Google Ads (una volta Adwords).

Cos’è Google?

Consideratelo come un grandissimo contenitore che tiene monitorate: Ricerche effettuate, comportamento degli utenti, geolocalizzazione (da dove sto facendo la ricerca) dati demografici e gran parte di ciò che ci appartiene come abitudini ed interessi. Questo perchè quando cerchiamo un libro, un paio di scarpe o qualsiasi altro oggetto su Google lui tiene tutto nella sua mente 🙂

La cosa può risultare invadente o addirittura preoccupante ma vista dal lato marketing io vedo solo dei grandi vantaggi sia per chi effettua una ricerca sia da chi vende prodotti o servizi.

Il giusto scambio

Conoscere tutto del nostro cliente ideale dà al commerciante ola possibilità di centrare il proprio cliente ed offrire ciò che sta cercando in quel preciso momento. Di conseguenza il fruitore riceve pubblicità e offerte inerenti alle proprie ricerche e interessi!

Vi rendete conto del potenziale?

Non sparare a zero!

Rispetto al volantino, dove stampo 50mila copie e sparo in tutte le cassette delle lettere…qui inserisco il mio volantino digitale solo ad un utente che ha dimostrato un vero interesse nei confronti della mia attività.

Ovviamente non è un servizio gratuito…ma non è nemmeno dedicato solo ad aziende che fatturano milioni di euro. E’ tutto proporzionato agli obiettivi che si vogliono raggiungere!

Inoltre, oggi gli strumenti a disposizione ci permettono di effettuare analisi che a priori ci forniscono i dati necessari a calcolare il ritorno sull’investimento che stiamo per fare!

Zero paura per il futuro

Il Digital marketing va vissuto senza paura e senza indugio, Il futuro è qui e se non si vuole restare nel passato è meglio cominciare a mettere un piede in questo mondo, certamente complesso ma che offre notevoli opportunità.

Vuoi saperne di più?

Se avete bisogno di ulteriori delucidazioni, non fatevi problemi a contattarmi! Comprendo i dubbi che il web può creare…e sono sempre disponibile a spiegare in modo esaustivo tutti i pro e i contro del digital marketing. Chiedere non costa nulla!

Buona fortuna imprenditore!



Sviluppo web


Che sia statico o dinamico il sito oggi non può essere considerato come uno strumento di serie B. Non accontentarti! Fatti un sito su misura e soprattutto non pensare che il marketing sia una soluzione per pochi. Ogni business può investire proporzionalmente per ottenere un risultato! Ci vogliono i giusti strumenti e le giuste strategie!

Il sito è morto!

Spesso sento dire che il sito web sia uno strumento inutile o addirittura morto. L’era dei social network sembra abbia creato dei sostituti “insostituibili” e pare che tutto si possa fare restando al loro interno, ma a parte i giri di parole e la miriade di strumenti a nostra disposizione, chi crede che il sito oggi abbia perso importanza, forse non ha compreso a cosa serve e come si usa.

Perché un sito?

Le regole del sito le decide chi lo apre (ossia voi). Potete, nei limiti della legge, decidere di parlare di qualsiasi argomento e con qualunque tono di voce, proprio perché siete voi a decidere le regole del gioco.

Potrà sembrarvi banale ma non è così raro sentire di pagine social chiuse per non aver rispettato la privacy del “social network di turno!” e addio ai vostri post sponsorizzati e ai like raggiunti a fatica!

Quanto costa?

Non esiste un costo fisso! Prima di tutto perché si parla di investimento e in secondo luogo perché ogni attività ha esigenze differenti. Potrebbe servire un modulo di prenotazione per una casa vacanza ad un minimarket? diffidate sempre da chi vi vende i siti a pacchetti standard. Comprereste mai un paio di pantaloni a caso…sono solo pantaloni?

Il Social non è casa nostra!

Forse non lo sapete…ma la “vostra” pagina social non è vostra…diciamo che vi viene data la possibilità di inserire contenuti su una piattaforma appartenente ad un’altra persona. Detto questo come vi sentireste se ad un certo punto il Social Network di turno decidesse di non pubblicare più foto di una certa tipologia e vi bannasse a vita?

Avete compreso perché è necessario avere un sistema proprietario per la divulgazione dei propri contenuti? Chi può chiudere il vostro sito? le autorità (e farebbe bene) oppure voi.

Chiaro il concetto?

Certamente non sono qui a dire non utilizzate i social network…ma il sito come strumento di divulgazione, se ben ottimizzato è di vitale importanza!

Gli strumenti restano, nulla muore

Sito, social, volantini, biglietti da visita, pubblicità via radio o TV…sono tutti strumenti e nessuno di loro è morto. Dipende cosa vendete e a chi vi rivolgete. Ogni target lo va conquistato con il giusto strumento.

L’insieme degli strumenti fa di una strategia una realtà utile a raggiungere degli obiettivi.

Un sito per raccogliere contatti

Inoltre, nell’era della Lead Generation (la generazione di contatti) siamo tutti alla ricerca di nuovi clienti e avere un sito ottimizzato per la conversione di semplici utenti di passaggio a clienti veri e propri è di vitale importanza. Il sito web offre notevoli possibilità tra cui il monitoraggio dati che può permettere la buona riuscita di campagne pubblicitarie legate al web marketing e al digital marketing.

Se non hai ancora provveduto a realizzare il tuo sito web oppure hai pensato che il sito sia solo una perdita di soldi, rifletti e prova a rivolgerti ad un professionista. Chiedere informazioni non costa!

Contattami per avere maggiori informazioni. Forse hai già un sito o forse ancora no…il mio consiglio? se la tua attività si basa sul web…la risposta è sotto ai tuoi occhi!

Buona fortuna imprenditore!

Consulente Web Marketing: Qualche consiglio!

consulente web marketing

Consulente web marketing

Fortunatamente l’Italia è piena di ottimi professionisti che offrono servizi web marketing di ottima qualità.

Di contro ci sono in giro una serie di sedicenti marketer improvvisati, presi dall’ultima moda del momento che come i batteri si infiltrano creando disagi al sistema.

Quelli che passano dal vendere sigarette elettroniche alla Cannabis legale e non contenti, se non diventano tatuatori si aprono un’agenzia web marketing.

Ma cosa vogliamo farci, il mondo è bello così.

L’importante è non farsi fregare da nessuno.

Da anni, per ogni evenienza  indosso le mie mutande in ferro 🙂

Per tutti questi sedicenti marketer dell’ultimo momento, ma che vogliono fare davvero sul serio mi sento di consigliare loro un libro scritto (davvero bene) da Alessandro Mazzù: per maggiori informazioni cliccate qui
consulente web marketing
Lo consiglio spesso anche ai miei clienti per far comprendere loro cosa significhi essere un consulente web marketing (alle volte serve).

Perché in fondo il problema di chi si improvvisa è che toglie credibilità a chi onestamente, fa il proprio lavoro con conoscenza e dedizione.

Poi sti disgraziati, perché non si possono chiamare in altri modi 🙂 arrivano sempre prima! e rompono le uova nel paniere (per non dire altro) 🙂

Scherzi a parte, chi mi conosce sa quanto tengo a far comprendere che ognuno deve fare il proprio mestiere e visto che dietro alla parola lavoro c’è la parola soldi, l’onestà deve essere il punto di partenza da ambo le parti.

Paradossalmente, leggendo il libro di Mazzù ha fatto riflettere anche me.

Fino a qualche mese fa possedevo un’agenzia marketing a Varese residente in un ufficio nel centro della città.

Ci lavoravo da solo ed era anche distante 40Km da dove vivo io, ma non si sa per quale motivo (pensavo per prestigio) mi ostinavo a spendere un sacco di soldi tra affitto e parcheggio, per essere li sempre da solo!

I miei clienti (a parte pochissimi) preferivano e ancora oggi preferiscono che fossi io a muovermi per andare da loro.

Ho preso la decisione di eliminare l’ufficio e di conseguenza le spese annesse e connesse.

Solitamente quando lavoro per un’azienda la prima cosa che faccio, durante le prime analisi è proprio controllare che non vengano spesi soldi inutilmente.

Viva la sincerità 🙂

su me stesso ho iniziato a farlo tardi 🙂

Il futuro, la continua spinta tecnologica e l’intelligenza delle persone ci sta portando a fare dei notevoli cambiamenti che fino a qualche anno fa non avremmo nemmeno immaginato.

C’è ancora chi non si fida di chi non ha un’ufficio (e di chi come me ha la barba), ma a lungo andare credo che diventerà più “invidia del non poterlo mollare”.

Da qualche mese ormai, posso dire di offrire servizi web marketing da luoghi incredibilmente più piacevoli del solitario ufficio di Varese.

Coworking: grande invenzione

Ogni città li possiede e devo dire che danno la possibilità di potersi muovere agevolmente e lavorare in tranquillità con dei costi davvero limitati (soprattutto se confrontati con un ufficio in un centro di una città).

Ma la cosa interessante è il piacere di condividere con altri il proprio lavoro e le proprie esperienze, cosa che da soli, a meno di non avere degli amici immaginari, non si può fare.

Imprenditori!

soprattutto quelli intenzionati a cavalcare il progresso e a non diventare parte dell’arredamento mondiale, cambiamo le regole!

Basta pregiudizi! è ora di fare sul serio.

E’ ora di dare merito a chi è in grado e eliminare i parassiti.

Che tipo di imprenditore sei?

Check up Aziendale: perchè farlo?

check up aziendale

Check up aziendale

Farlo o non farlo, questo è il problema 🙂

Al giorno d’oggi c’è un gran numero di imprenditori che credono di avere in pugno la loro azienda. Sono in molti quelli che non hanno perso nemmeno un millimetro, affidandosi ai molteplici cambiamenti tecnologici e informatici per gestire al meglio l’impresa. Ma la vita è fatta di statistiche, percentuali, di persone che vincono e di persone che perdono. Principalmente mi interessano, quelli che credono di vincere ma in realtà stanno per cascare nel baratro.

Eh si, cari miei!

Adeguare l’azienda

Questo dovrebbe essere l’unico pensiero di un imprenditore moderno che si ritrovi tra le mani un progetto ormai vecchio, cigolante e pieno di polvere (per non dire muffa).

Certo non è cosa da tutti prendere in mano la situazione e comprendere da dove partire, per dare una bella ripulita e poi riallinearsi al presente!

Perché vi ostinate a guardare al passato? perché continuate a credere che se avete fatto bene sino ad ora, il metodo è corretto in eterno?

Migliori aziende Italiane

Vuoi essere tra di loro? sei disposto a cambiare? vuoi farlo sul serio?

Queste sono le domande che devi porti (io te le faccio). Lascia perdere i soldi che hai da parte e ragiona da imprenditore quale sei!

A che punto è la tua azienda? prova a riflettere, indaga, chiedi al tuo personale, chiedi ai tuoi clienti!

Non percepire la salute aziendale solo dal bilancio, cerca di volere di più,

non accontentarti!

Se esiste un tuo competitor che viaggia meglio di te, non è perché è fortunato, è perché lavora meglio!

Ti stai chiedendo come lavora? ti domandi quali potrebbero essere i tuoi errori o le cose da migliorare?

Bene, fai un check up alla tua impresa!

A cosa serve un Check up aziendale

Guardiamo insieme:

  • Dove sei ora?
  • Come ci sei arrivato?
  • Chi sono i tuoi clienti, li segui a sufficienza?
  • Generi clienti nuovi?
  • Cosa fanno i tuoi dipendenti?
  • Hai un’azienda aggiornata? o hai ancora procedure burocratiche infinite?
  • Cosa fanno i tuoi competitors?
  • Puoi migliorare? o sei spacciato?

Come dico sempre (chi mi conosce sa che sono una persona diretta) per arrivare a cambiare le cose o semplicemente a migliorarle, non bisogna essere al tracollo finanziario!

Il Marketing e i Marketer migliori al mondo necessitano di budget per portare dei risultati concreti…questo significa che se arrivi tardi c’è poco da fare.

La medicina Cinese ci insegna che non bisogna andare dal medico quando si è malati, ma per non ammalarsi. Per alcuni sarà un esempio poco calzante ma a mio parere per l’azienda vale lo stesso principio. Affrontate quotidianamente tutti i problemi che vi si pongono e trovate soluzioni all’avanguardia. Evitate i problemi alla radice.

Essere imprenditori in Italia pare significhi semplicemente avere i soldi da investire! non è così il lato organizzativo e pragmatico supera abbondantemente quello economico.

Sei d’accordo? si o no?

la vita, come ti dicevo è fatta di statistiche, percentuali, di persone che vincono e di persone che perdono. Non tutti la pensiamo allo stesso modo.

Non credete a chi vi dice che basta un click, soprattutto se la vostra azienda è già in sofferenza.

MENTE!

e soprattutto, come un parassita, vi succhia le ultime risorse.

Sei una persona senza fronzoli?

Ti piace collaborare con persone dirette e sincere?

Contattami, ti offro un check up gratuito…solo ad una condizione! devi metterti in gioco sul serio!

Hai domande in merito? non esitare a contattarmi!

Sono a tua disposizione!

Direct to Consumer: il futuro del mercato è online!

Direct to Consumer

Direct to Consumer (D2C)

Andando dritti al sodo, come vedresti il mercato privo di intermediari?

Certamente si parla di ampio margine per chi vende, ma di conseguenza anche di grande risparmio per il consumatore!

Prendendo il settore delle Confezioni, che nel Made in Italy occupa un posto d’elite, l’intermediazione ha circa un costo del 50% che ovviamente si abbatte sull’azienda, riducendone i margini e  sul consumatore, aumentandone il costo finale.

Sei disposto a risparmiare il 30% per lasciare all’azienda un 20% di margine in più? direi che è un ottimo compromesso non credi?

Bene, allora non devi fare altro che acquistare online direttamente dal Brand!

Secondo Forrester il 55% delle vendite al dettaglio Europee passeranno a breve al mercato digitale.

Commercio elettronico in Italia

In Italia negli ultimi anni abbiamo avuto un incremento del 18% sugli acquisti online nel 2018.

Il panorama è chiaro!

La direzione d’acquisto per il prossimo futuro è Online!

Tela Blu

Primi fra tutti in Italia l’azienda Capitanata da Edoardo Danna, amministratore delegato di Tela Blu, una startup Torinese che opera nel campo abbigliamento uomo ed ha una distribuzione esclusivamente online.

Il modello D2C in questo caso consisterebbe nel far gestire i rapporti col cliente attraverso l’uso delle moderne tecnologie e strategie marketing di cui disponiamo,

eliminando gli intermediari e dando all’azienda il pieno controllo sull’approvvigionamento dei Materiali.

La qualità a prezzi più bassi!

Sempre secondo Danna, il consumatore negli ultimi anni, stanco degli abiti usa e getta è diventato più esigente circa i materiali e la durata dell’abbigliamento.

Si riparte, ma abbiamo bisogno di imparare!

Dunque potremmo a breve avere la qualità al giusto prezzo e la speranza di riaprire un mercato, e la cosa non è rivolta, ovviamente solo all’abbigliamento.

Oltre ad abituarci, soprattutto in Italia, dobbiamo imparare ad accettare ciò che l’evoluzione tecnologica giorno per giorno ci propone, e cercare di trarne vantaggio. Quindi al rogo la poca fiducia negli acuisti online, soprattutto quando a vendere è il brand diretto!

Ricordo quanti insulti ho ricevuto quando acquistai il primo cellulare! oggi in Italia la competizione Man VS Sim da ragione al fatto che quando ci prendiamo gusto non siamo secondi a nessuno!

SEO agency Varese

seo agency varese

Ma la SEO a Varese, esiste?

Perché una seo agency?

Varese è una fantastica città, ma come tutte le grandi città soffre un po’ sotto il profilo commerciale.

Tutti si lamentano ma nessuno fa nulla!

Si attende che passi la crisi senza rendersi conto che è solo un modo per dare la colpa a qualcuno.

Ragazzi la crisi c’è ma è spesso un’alibi.

Quando mi sono trasferito da Milano ho capito subito che le persone qui si affidavano solo al proprio dato storico commerciale. Per farla breve…qui si ragiona con: “ho sempre fatto così e vado avanti così”

L’idea di lavorare su Varese, non è stata solo per la futile spiegazione del perchè ci vivo.

Fare SEO porta noi professionisti a poter lavorare ovunque da ovunque.

Quando spiego sto concetto tutti pensano che potrei passare la mia vita lavorativa su una bella spiaggia e un cocktails gigante.

La realtà non è proprio così. Certamente posso lavorare da ovunque, ma bisogna lavorare duro e in spiaggia le distrazioni sono molteplici per poter avere la testa al posto giusto:-)

Seo Varese

Ho aperto nel 2016  seovarese.com una piccola landing page che cercava di spiegare l’importanza dell’essere visibili online per un azienda o per un attività commerciale.

Nonostante l’impegno, i Varesini e i Varesotti hanno sempre preso con sospetto il mio lavoro, che nel frattempo si sviluppava in tutto il resto dell’ Italia, tranne che nella provincia in cui tuttora vivo.

Non vi dico la frustrazione 🙂

Arrivato ad un certo punto ho quasi deciso di gettare la spugna!

Scarpe e Materiale cartaceo

Nel senso…faccio il commerciale alla vecchia maniera.

Alcuni mi hanno chiesto: “lavori per far dar visibilità su Varese, e vai in giro con le brochure? non è una grande pubblicità!”

Non sono mai stato d’accordo con queste supposizioni (per non dire insinuazioni)

Grazie a questa tipologia di marketing (un po’ all’antica) ho iniziato a muovere i miei primi passi.

In una città dove i rapporti umani sono fondamentali ho trovato decisamente un metodo più efficace del mio seovarese.com che è andato sempre più a svanire (ultimamente funziona di più grazie al passaparola)

Ho avuto anche l’idea di abbandonare l’idea di lavorare nella città in cui vivo, non tanto per la comodità, a dire il vero sono più comodo da casa o dalla famosa spiaggia con skype 🙂

Non ditemi che siete così indietro da non comprendere che oggigiorno si può collaborare anche senza lavorare dalla stessa stanza. Fa parte del progresso. I miei clienti principali comunicano con me attraverso la tecnologia e distano anche di molto da casa mia.

Lavorare con skype mi permette, inoltre, di poter offrire servizi a costi decisamente inferiori.

Chi di voi si sposterebbe tutti i giorni a  proprie spese senza mettere un contributo spese al cliente?

Siate sinceri!

La tecnologia sotto molti aspetti da anche la possibilità di avere sempre accanto il proprio professionista.

Quindi cambiamo mentalità e affidiamoci ai professionisti e ai loro metodi di lavoro senza temere!

Soprattutto non fermiamo il progresso…è stupido farlo!

Ho una SEO agency a Varese, proprio perché la mia missione ormai è diventata quella di convertire e far comprendere quanto sia importante stare al passo con i tempi….Innovazione è il motto!

Pensate a qualche anno fa, a prescindere dagli algoritmi che hanno complicato le cose ma hanno dato una forma di meritocrazia alle cose (basta coi trucchetti da hacker squattrinato), una volta indicizzare la maggior parte delle keywords era “quasi” un gioco da ragazzi.

Ora la competitività è ad un livello tale per cui diventa sempre più complesso conquistare il proprio territorio web.

E’ vero che possiamo pagare Google, ma se ancora non abbiamo il budget da investire? Avere un sito ottimizzato dovrebbe essere alla base di qualunque strategia funzionante!

Varesini e Varesotti, il mondo sta andando avanti e cambia di giorni in giorno. Non state fermi a pensare che tutto torni come una volta. Incollatevi ai cambiamenti,  provateci. Scoprirete quantomeno che il web marketing non è solo roba inutile.

Pensi ancora di avere tempo, oppure credi non non avere speranza, leggi qui.

Vuoi capire meglio chi sono Leggi qui!

Perchè la mia azienda non è più quella di una volta?

aumentare fatturato aziendale

L’azienda del futuro!

Aumentare fatturato aziendale:

Sono le frasi che mi sento spesso dire quando mi siedo per la prima volta davanti ad un cliente. Il mondo è cambiato e troppo imprenditori stentano a capire che adeguare la propria impresa è di fondamentale importanza per sopravvivere.

In Italia c’è ancora il concetto del vecchio sistema “la mia azienda ha sempre guadagnato così, quindi non cambio una virgola” e di conseguenza anche le solite frasi: “è colpa della crisi”.

La colpa può essere imputata anche alla crisi ed al momento politico che stiamo vivendo (anche a livello globale) ma soprattutto…la colpa  è vostra!.

Non avete ancora capito che dovete:

  • Cambiare velocemente ed adeguare la vostra azienda alle nuove tecnologie;
  • Cominciare a comunicare con i consumatori come si deve;
  • Coinvolgere il vostro personale incentivandolo (meritocrazia);
  • Affidarvi alle moderne strategie di marketing e commercio che il web vi offre.

Oppure, difficilmente si può sopravvivere.

In Italia siamo già riusciti a far credere che il web è saturo!

La pensate così?

Io no!

Io credo che internet sia saturo solo di immondizia, e purtroppo la qualità è spesso messa in disparte perché chi ha delle ottime idee non necessariamente deve anche essere un buon marketer.

Siamo tartassati da Guru che:

  • Spiegano regoline applicate dagli antichi statunitensi;
  • Continuano imperterriti a dire sempre le stesse cose;
  • Trovano sempre il pollo all’occorrenza (ciò che io chiamo metodo Wanna Marketing);
  • Partecipano a fiere con le stesse slide dal 2010, nonostante la terza edizione del loro libro inutile;
  • Nonostante tutto, sono in grado di farvi spendere soldi ma in realtà vi fanno restare sempre allo stesso punto;

Di questo è saturo il web.

Senza parlare di chi vi promette di “diventare milionari assistendo a convention di due giorni dove gli unici che guadagnano sono loro (come fate a non capirlo?)”

Dobbiamo metterci in testa che per ottenere dei risultati bisogna lavorare duro e pianificare passo passo tutte le strategie per raggiungere gli obiettivi fissati.

Non serve un libro, un corso di un weekend o un video di un guru! serve solo il giusto metodo e lavorare.

I soldi facili non sono mai esistiti.

Poi, dai! può un Guru mettere insieme il panettiere, il parrucchiere, il meccanico, l’avvocato e l’aspirante blogger e proporre un metodo univoco?

Si dice che se sai vendere un prodotto li sai vendere tutti. Io non la penso proprio così.

Credo che se conosci l’arte della vendita per poter vendere devi conoscere anche l’arte del sapere a chi vendere.

Ognuno fa il suo lavoro e ognuno dovrebbe occuparsi solo della propria attività. Vi fareste mai riparare l’automobile dal calzolaio?

Perché volete fare i Marketer se fate i parrucchieri?

La risposta la conosco, perché sei cascato nel funnel di turno e stai perdendo tempo e soldi.

E conosco anche un’altra dura realtà. Quella dei consulenti non Guru che devono lottare tutti i giorni per spiegare che il web marketing e la vendita online non sono ciò che hanno provato o “studiato” in qualche corso domenicale.

Il mio articolo non vuole certo essere polemico, catastrofico e non serve a demotivarvi.

Tutt’altro, Affidatevi alle persone giuste, non ai venditori di libri, di pentole e miracoli. State sempre coi piedi per terra perché nessuno è in grado di rendervi milionari in sei mesi.

Se proprio non riuscite a fare a meno del fai da te, perché la vostra curiosità non vi molla nemmeno per un secondo…ben venga! Mettetevi in gioco ma fatevi affiancare da chi può darvi le giuste indicazioni.

Scegliete la strada giusta!